Il mistero dei cerchi sul fondo del mare

La scoperta ha scatenato tantissime supposizioni sull'autore di questi perfetti cerchi. Un uomo? Un animale? I più fantasiosi hanno pensato addirittura agli alieni. Per fortuna le telecamere di Ookata, un famoso sommozzatore, hanno mostrato che l'artista è in realtà... un pesce palla! Il pesce palla (pare si tratti del Takifugu vermicularis) riesce, con l'aiuto di una sola delle sue pinne e lavorando notte e giorno, a creare questi cerchi perfetti. E alla fine li decora con piccoli frammenti di conchiglie precedentemente frantumati. A cosa serve tutto questa fatica? Semplice: ad attirare gli esemplari femminili della sua specie. Le femmine vengono così guidate a deporre e fecondare le uova al centro del cerchio di sabbia. Le creste servono soprattutto a mitigare le correnti oceaniche, proteggendo le uova ed evitando di esporle ai pericoli. Mentre le conchiglie frantumate non sono delle belle decorazioni: il pesce palla le mette lì per garantire una prima fonte di nutrienti ai suoi futuri piccoli.